Tiroide – Ecco cosa mangiare per mantenerla in salute

Tiroide – La ghiandola endocrina per eccellenza

Posizionata nella parte anteriore del collo, la ghiandola tiroidea è una piccola ghiandola endocrina a forma di H coinvolta in numerose funzioni dell’organismo. Gli ormoni che rilascia in circolo giocano un ruolo fondamentale in molteplici aspetti metabolici.

Tiroide e sistema nervoso centrale

Lavorando in sinergia con altri ormoni, la tiroide controlla lo sviluppo del sistema nervoso centrale e della pelle, l’attività cardiaca e l’apparato gastrointestinale, la psiche, le ossa e alcune funzioni dell’apparato genitale.

Tiroide – Iodio, zinco e selenio fondamentali per il nostro benessere

Tiroide

Iodio

È un minerale essenziale, necessario per la produzione degli ormoni della tiroide. Di conseguenza chi ne assume poco può essere a rischio. Il deficit di iodio è molto comune e colpisce circa un terzo della popolazione mondiale.
È molto importante quindi mangiare sale con iodio e cibi che ne sono ricchi come i frutti di mare, il pesce, i latticini e le uova.

Selenio

Il selenio aiuta il corpo ad attivare gli ormoni della tiroide. Contiene anche antiossidanti, sostanze chimiche che proteggono la ghiandola tiroidea dai danni causati dei radicali liberi. Questo minerale è contenuto naturalmente nel cibo, soprattutto nelle noci, nel tonno, nelle sardine, nelle uova, nei legumi e negli spinaci. Assumete integratori che contengono selenio esclusivamente se ve lo ha consigliato il medico. Diversi studi hanno infatti dimostrato che i supplementi ne contengono molto e a lungo andare può diventare tossico.

Zinco

Come il selenio, anche lo zinco aiuta il corpo ad attivare gli ormoni della tiroide. Diversi studi americani hanno dimostrato che lo zinco può aiutare a regolare il TSH, l’ormone tireostimolante che “dice” alla ghiandola tiroidea di rilasciare gli ormoni.
Lo zinco è contenuto in numerosi cibi tra cui nelle ostriche e in altri frutti di mare, nel manzo e nel pollo.

Nico Forconi – ControInformo

Riproduzione consentita purché l'articolo non sia modificato in nessuna parte, indicando Autore e link attivo al sito.

Precedente Pesticidi su frutta e verdura: bicarbonato ne elimina il 96% Successivo FBI: la crittografia degli smartphone è molto pericolosa